Leggi uno dei pensieri di Mario protagonista de “LA MIA VITA CAPOVOLTA”

IL CONFORTO

Il conforto è qualcosa che non è facile ricevere al momento giusto. Ci sono tanti momenti della nostra vita in cui vorremmo essere consolati. Quante volte siamo stati a piangere da soli, nascosti in silenzio, per non farci sentire e vedere da nessuno. L’orgoglio di far vedere che siamo deboli e fragili prende sempre il sopravvento. Nella mia vita ho sempre fatto vedere agli altri che ero sempre felice e pronto a combattere una nuova battaglia. Ma più delle volte, con quel sorriso, mascheravo solo e soltanto un pianto. Piangere era un lusso che non mi permettevo. Dovevo essere sempre il più forte di tutti, pronto a consolare tutti, quando qualcuno aveva un problema.

Ricordo quando morì mamma, non piansi e nemmeno la vidi. Facevo finta che non fosse mai successo nulla. Tutti mi chiedevano come facessi a stare così tranquillo. Era una tranquillità finta. Ma più giorni passavano e più mi andavo sgretolando. Volevo urlare la mia disperazione. Ma l’orgoglio non mi permetteva di farlo nemmeno quando ero solo. Avevo paura che qualcuno mi sentisse e mi vedesse disperato.

Erano passati 4 mesi, non riuscivo più a dormire la notte. Una notte mi alzai dal letto, erano le 2.00. Presi la macchina, andai verso il mare. Era il mese di agosto. Arrivato in spiaggia, in lontananza vidi una macchina parcheggiata. Ero da solo. E come un matto inizia ad urlare e a piangere. Nessuno mi sentiva. Ero libero di far uscire tutta la disperazione che avevo nel cuore. Ero un codardo, mi ero ridotto in quel modo perché non avevo il coraggio di ammettere la mia fragilità.

Ad un tratto mi sentii sfiorare la spalla. Era qualcuno che mi mise la mano sulla spalla. Non mi girai a vedere chi fosse, anche perché si vedeva pochissimo. Quella notte non c’era nemmeno la luna per illuminare il cielo. Rimasi in silenzio. Sentivo solo il mio battito del cuore, che dall’interno rimbombava nei miei orecchi e questa mano che piano piano cominciava a muoversi. In pochi secondi che sembrarono un’eternità, mentre sentivo solo i miei orecchi che pulsavano, venni abbracciato alle spalle. Non mi interessava chi fosse. Ma era quello di cui avevo bisogno. Essere abbracciato. Piansi e piansi. E questa persona piangeva con me.

La consolazione è quel movimento lento, dove tu, con lo sguardo fisso nel vuoto, pensi che questo mondo non ti comprende. Ma all’improvviso, arriva qualcuno, che non hai sentito arrivare. Nel silenzio, vieni sfiorato con una mano, che forse nemmeno conosci. E senza dire nulla, ti abbraccia e piange con te. Le parole non servono, ciò che conta è una presenza che ti lascia libero di essere te stesso.

Pre-ordina a solo 0,99 centesimi su amazon

La mia vita capovolta https://www.amazon.it/dp/B07BH5TLX8/ref=cm_sw_r_cp_api_QhMRAbN3NKP8D

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...